vivi la Storia I - 1. L'Impero romano entra in crisi

Dopo un periodo di grande espansione territoriale, nel III secolo l’Impero romano attraversò un’epoca di crisi economica, politica e sociale. L’imperatore Diocleziano mise allora in atto la "tetrarchia", dividendo l'Impero in quattro parti. In questo periodo, il tramonto dei valori tradizionali favorì l’affermazione del cristianesimo. Dopo l'iniziale ostilità dell'Impero, con l’editto di Milano Costantino concesse la libertà di culto ai cristiani, che edificarono le prime chiese. Con l’editto di Tessalonica, voluto da Teodosio, la nuova fede divenne addirittura la religione ufficiale dell’Impero, che da poco aveva trasferito la propria capitale a Costantinopoli.

0101-02-01 00:00:00

Campagne militari di Traiano

L’imperatore Traiano, autore di travolgenti campagne militari, consentì a Roma di raggiungere la massima estensione territoriale: fra l'Europa e il Nordafrica, dove controllava già tutta l’area centro-meridionale, buona parte dell’Inghilterra e le coste mediterranee dalla Mauritania all’Egitto, le ultime acquisizioni si spinsero oltre il Danubio e a nord del mar Nero; in Asia estese invece il suo dominio sull’odierna Turchia, la Siria, l’area mesopotamica e le terre del Caucaso.

0294-02-01 00:00:00

Diocleziano e la tetrarchia

L'imperatore Diocleziano si rese conto che non avrebbe mai potuto garantire, da solo, la difesa dei confini e una buona amministrazione per un impero tanto esteso. Decise allora di diversificare le forze suddividendo i territori di Roma in quattro grandi aree: due a Oriente e due a Occidente. Le quattro zone sarebbero state amministrate da una tetrarchia (“governo dei quattro”), formata da due Augusti (uno per la parte occidentale e uno per la parte orientale), affiancati da altrettanti collaboratori, i Cesari.

0312-02-01 00:00:00

Battaglia di Ponte Milvio

Il sistema della tetrarchia cominciò a scricchiolare quasi subito, aprendo la strada a numerosi tentativi di affermazione personale all'indomani della morte di Diocleziano. Fra i vari pretendenti, emerse Costantino, erede del Cesare d'Occidente Costanzo Cloro, che cercò di sbarazzarsi del rivale più pericoloso, Massenzio, figlio dell'Augusto di Milano. Lo scontro militare avvenne nella battaglia di Ponte Milvio, nei pressi di Roma, dove Costantino riportò una netta vittoria.

0313-02-01 00:00:00

Editto di Milano

Ritenendo la pace religiosa un fattore indispensabile per la stabilità dell’Impero, Costantino emanò una legge scritta passata alla storia come Editto di Milano, con cui veniva riconosciuta in tutto l’Impero la libertà di culto. Il documento, che si riferiva in modo esplicito a "qualunque fede, compresa quella cristiana", metteva ufficialmente fine alle persecuzioni contro i cristiani.

0324-02-02 00:00:00

Costantino unico imperatore

Eliminato Massenzio, Costantino condivise il potere per dodici anni con Licinio, dividendo formalmente il territorio dell’Impero in due: a lui spettava la parte occidentale, meno ricca e più esposta agli attacchi delle popolazioni barbariche, mentre Licinio controllava quella più sicura, a oriente. Deciso a primeggiare, Costantino entrò in conflitto con Licinio attorno al 314 e lo sconfisse definitivamente due anni più tardi, nelle battaglie di Adrianopoli e Crisopoli. In questo modo divenne l'unico imperatore legittimo di Roma.

0330-02-02 00:00:00

Costantinopoli capitale dell'Impero

Divenuto imperatore, Costantino decise di spostare la sede imperiale a Bisanzio, una colonia greca sulle rive del Mar di Marmara, che in suo onore venne ribattezzata Costantinopoli (oggi chiamata Istanbul, in Turchia). Dopo aver trasferito la propria dimora a Bisanzio, volle farne una nuova Roma, imponendo una ricostruzione della città che riproducesse il disegno di quella originale, con palazzi imponenti e un grande circo per la corsa di bighe e quadrighe.

0380-02-02 00:00:00

Editto di Tessalonica

Salito al potere dopo la morte di Costantino, Teodosio era un ex generale spagnolo convertitosi alla fede cristiana. Fu l'ultimo a regnare sull'Impero unificato, a cui riuscì a imporre una svolta fondamentale in campo religioso: promulgando l’Editto di Tessalonica - oggi Salonicco, città della Grecia - rese ufficialmente il cristianesimo l’unica religione di Roma.

vivi la Storia I - 1. L'Impero romano entra in crisi

Launch
Copy this timeline Login to copy this timeline 3d

Contact us

We'd love to hear from you. Please send questions or feedback to the below email addresses.

Before contacting us, you may wish to visit our FAQs page which has lots of useful info on Tiki-Toki.

We can be contacted by email at: hello@tiki-toki.com.

You can also follow us on twitter at twitter.com/tiki_toki.

If you are having any problems with Tiki-Toki, please contact us as at: help@tiki-toki.com

Close

Edit this timeline

Enter your name and the secret word given to you by the timeline's owner.

3-40 true Name must be at least three characters
3-40 true You need a secret word to edit this timeline

Checking details

Please check details and try again

Go
Close