"...olim cartam undique fudit"

La timeline mostra le tappe principali della storia della carta Fabriano, inserite nel contesto storico-scientifico generale dell'evoluzione delle tecniche di fabbricazione dell'arte cartaria. "Faber in amne cudit, olim carta undique fudit" (il fabbro sul fiume batte, un tempo la carta ovunque sparse) è la scritta che troviamo sotto lo stemma del Comune di Fabriano che ricorda e tramanda il primato internazionale raggiunto da Fabriano fin dal XIII secolo nella produzione e nel commercio della carta.

0105-07-02 00:00:00

I Cinesi e l'invenzione della carta

Nel 3000 a. C. gli Egizi già usavano il papiro come supporto alla scrittura. Ma il merito di aver inventato la carta va ai Cinesi: nel 105 d.C. T'sai Lun, ministro dell'imperatore, ha l'idea per la produzione di quella che sarà la carta. Una delle prime descrizioni in lingua italiana sull’abilità dei Cinesi è fornita da Marco Polo in un passo di Il Milione del 1299 dove racconta che per produrre carta usavano paglia di tè e di riso, canna di bambù e stracci di canapa.

0500-10-03 09:03:54

I Greci e la pergamena

Anche i greci utilizzano il papiro, fino a quando nel VI sec. d. C. viene sostituito dalla pergamena La materia prima non è più di origine vegetale ma è pelle di agnello o vitello.

0600-07-19 08:47:18

Diffusione delle tecniche cinesi

Nel VII secolo d. C. le tecniche cinesi di fabbricazione della carta si diffondono in Corea e in Giappone, fino ad arrivare in Asia Centrale.

1100-09-22 21:28:44

L'arrivo della carta in Occidente

In Occidente la carta arriva nel XII secolo d. C. sulle vie carovaniere dell’Asia centrale attraverso i mercanti arabi. La Spagna in particolare è il primo paese europeo dove si inizia a produrre carta di tipo arabo. Gli arabi perfezionano infatti le tecniche apprese dai cinesi e diventano maestri nel fabbricare carta: usano stracci di canapa e tela, triturati e ridotti a poltiglia mediante macine di pietra e mortai, e colle vegetali. La carta araba non garantisce però una lunga conservazione e il necessario grado di impermeabilità agli effetti dell’inchiostro.

1154-12-04 04:56:56

I registri di Giovanni Scriba

Dalla Spagna la carta arriva in Italia, a Genova, a Venezia, in Sicilia. I registri a Genova del notaio Giovanni Scriba, datati 1154, sono i primi documenti cartacei in tutta Italia. Non si hanno comunque notizie certe su come e da chi viene introdotta la fabbricazione della carta in Italia.

1200-07-21 10:46:11

Nascono le cartiere in Italia

Agli inizi del XIII secolo d. C. si iniziano a costruire cartiere anche in Italia. Il primo documento che lo attesta è genovese, seguono a ruota Pisa, Amalfi, Fabriano. Si produce carta ex pellibus arietum o ex rasuris veterum pannorum, ossia da pelli di arieti o da ritagli di vecchi panni. Ecco il nuovo materiale che inizia a comparire in Occidente: gli stracci.

1250-12-14 18:31:32

Le innovazioni dei maestri cartai fabrianesi

Nella seconda metà del Duecento i maestri cartai fabrianesi realizzano delle innovazioni tecniche fondamentali che incidono sulla resistenza al tempo e agli agenti patogeni, nonché sulla qualità e sul costo della carta. Si tratta della pila a magli multipli, che consente un miglior lavoro e in meno tempo, e della collatura di tipo animale, ottenuta con gli scarti delle concerie, che impermeabilizza il foglio di carta e lo rende resistente all’azione dei microorganismi. La carta fabrianese sostituisce quella araba e mantiene per secoli la sua peculiarità.

1264-03-07 14:35:26

La nascita della carta Fabriano

Il 1264 è assunta come data “ufficiale” della nascita della carta “ad usum fabrianesem”. Il registro pergamenaceo di cancelleria datato 1264 a cui si fa riferimento è conservato nell’Archivio Storico Comunale di Matelica, a 20 km circa da Fabriano.

1290-09-22 23:27:38

Fabriano centro mondiale della carta

Verso la fine del Duecento la tecnica e la fabbricazione della carta raggiungono lo stato dell’arte: le 60 cartiere della città fanno di Fabriano il centro mondiale dell’industria cartaria per quantità e qualità. È in questo periodo che i maestri cartai iniziano a contrassegnare la carta con un marchio di fabbrica, la filigrana. La carta prodotta a Fabriano, imballata in risme di 500 fogli, inizia a essere esportata in tutta Europa.

1378-09-22 23:27:38

La Signoria dei Chiavelli

Il controllo delle attività manifatturiere delle cartiere fabrianesi è in mano alla Signoria dei Chiavelli.

1436-09-22 23:27:38

L'arte cartaria: un segreto da non svelare

Nel 1436 il Comune di Fabriano vieta ai maestri cartai fabrianesi di svelare i segreti dell’arte cartaria a chi non risieda nel territorio del comune, pena un’ammenda di 50 ducati, o nel peggiore dei casi l’esilio e la confisca dei beni.

1455-09-22 23:27:38

L'invenzione della stampa

Al 1455 risale l'invenzione della stampa a caratteri mobili per opera di Johann Gutenberg.

1600-09-22 23:27:38

Crisi delle cartiere Fabriano

Dopo secoli di incontrastata fama, a cavallo tra il 1600 e il 1700 l’attività cartaria fabrianese viene investita da una lunga crisi. Per l’aumento delle tasse imposte dalla Reverenda Camera Apostolica su ogni risma di carta e il mancato aggiornamento delle tecniche di lavorazione, la competitività delle cartiere fabrianesi diminuisce e ne approfittano le cartiere francesi, inglesi, olandesi e tedesche che conquistano fette sempre più ampie di mercato con prodotti di migliore qualità. Agli inizi del Settecento le cartiere in attività a Fabriano si riducono a tre soltanto.

1680-09-22 23:27:38

La macchina olandese

Nel 1680 si ha l'invenzione per opera di cartai olandesi della cosiddetta macchina olandese o pila a cilindro per la raffinazione degli stracci che non batte e separa le fibre, come nel caso delle macchine fabrianesi, ma le taglia mediante delle lame metalliche. I tempi di lavorazione sono più veloci, la carta perde un po' di resistenza ma risulta più morbida, perfetta per la stampa. Per molto tempo le tecniche di costruzione e funzionamento della macchina olandese restano un segreto.

1751-09-22 23:27:38

L'Encyclopédie

Nel 1751 viene pubblicato a Parigi il "Dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri", universalmente noto come l'Encyclopédie. Tra le voci del dizionario, il procedimento della filiera cartaria, secondo lo standard fabrianese, e i dettagli del funzionamento della macchina olandese.

1782-09-30 17:04:19

La macchina olandese arriva a Fabriano

Con Pietro Miliani (1744-1817) rinasce l’industria cartaria a Fabriano. La cartiera Miliani recupera in breve tempo un alto grado di efficienza degli impianti e di sviluppo commerciale. Si inizia a usare anche a Fabriano la macchina olandese.

1796-07-10 14:09:11

La carta di Francia

Tra le innovazioni della cartiera Miliani vi è la produzione della carta di Francia (messa a punto nel 1757 dal tipografo inglese John Baskerville) o anche detta "carta velina" per la sua trasparenza uniforme. Adatta alla stampa di pregio, al disegno e all’incisione, è molto apprezzata da tipografi e artisti del tempo come il celebre Giambattista Bodoni.

1799-07-10 14:09:11

La macchina continua

Si apre l’epoca moderna della carta: viene brevettata a Parigi la macchina continua, inventata dal francese Louis Nicola Robert. Fino a quel momento la carta era stata fatta sempre esclusivamente a mano. In seguito gli inglesi acquistano il brevetto e lo migliorano ulteriormente con la macchina a vapore. Attualmente le moderne continue consentono produzioni di alcune tonnellate di carta ogni ora.

1800-07-10 14:09:11

L'epoca industriale della carta

Se fino alla fine del Settecento la carta è un prodotto tutto artigianale, tranne nella fase di raffinazione, ora nella prima metà dell'Ottocento tutto cambia e inizia l’epoca industriale della carta, la cui necessità va aumentando costantemente. L’attività cartaria diventa cioè una vera e propria industria della carta. La pressa a torchio viene sostituita con la pressa idraulica. Anche la collatura diventa meccanizzata.

1806-07-10 14:09:11

La carta protocollo

Nel 1806 la Cartiera Miliani inizia a produrre carta protocollo, migliora i sistemi di collatura e la qualità delle carte da disegno, rendendole concorrenziali a quelle inglesi, punto di riferimento del mercato.

1826-07-10 14:09:11

La collatura con resina

Nel 1826 viene messa a punto l’impermeabilizzazione della carta con resina.

1840-07-10 14:09:11

La carta con cellulosa di legno

La scarsa disponibilità di stracci e il loro prezzo sempre più elevato porta a fare ricerche alternative. Con il brevetto Keller del 1840 si comincia a fare carta con cellulosa di legno. Paste meccaniche e paste chimiche sopperiscono alla carenza di stracci, e il costo della carta inizia a scendere. Resta il problema della resistenza al tempo: mentre la carta fatta con gli stracci dura secoli, quella fatta con cellulosa resiste in media soltanto alcune decine di anni.

1857-07-10 14:09:11

L'invenzione della carta igienica

È del 1857 l'invenzione della carta igienica. Meno una carta è raffinata, più è assorbente: è il caso della carta igienica o dei rotoli da cucina.

1889-07-10 14:09:11

Medaglia d'oro per le Cartiere Miliani

Le Cartiere Miliani vengono premiate con la medaglia d’oro all’Esposizione Universale di Parigi.

1980-07-10 14:09:11

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

Dal 1980 al 2001 le Cartiere Miliani sono di proprietà dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

2014-01-10 14:09:11

750 anni di carta Fabriano

La carta supera la boa del terzo millennio: si celebrano i 750 anni della carta Fabriano. Oggi le Cartiere Miliani Fabriano sono parte del gruppo Fedrigoni di Verona.

"...olim cartam undique fudit"

Launch
Copy this timeline Login to copy this timeline 3d

Contact us

We'd love to hear from you. Please send questions or feedback to the below email addresses.

Before contacting us, you may wish to visit our FAQs page which has lots of useful info on Tiki-Toki.

We can be contacted by email at: hello@tiki-toki.com.

You can also follow us on twitter at twitter.com/tiki_toki.

If you are having any problems with Tiki-Toki, please contact us as at: help@tiki-toki.com

Close

Edit this timeline

Enter your name and the secret word given to you by the timeline's owner.

3-40 true Name must be at least three characters
3-40 true You need a secret word to edit this timeline

Checking details

Please check details and try again

Go
Close